Farina-Sydney, un anno dopo

0 Flares 0 Flares ×

Il 28 novembre 2012 Farina diventava il nuovo allenatore del Sydney sostituendo l’inglese Ian Crook, che nelle prime otto giornate aveva ottenuto sei sconfitte e due vittorie. Un anno dopo si iniziano a vedere i frutti del suo lavoro: «Abbiamo ritrovato la nostra identità»

Frank Farina, da un anno allenatore del Sydney FC

SQUADRA DA RICOSTRUIRE. Un anno fa Frank Farina diventava il nuovo allenatore del Sydney, prendendo le redini di una squadra ultima in classifica, senza gioco e senza identità. Ian Crook, suo predecessore, non era stato capace di gestire la situazione dopo l’arrivo di Del Piero. Semplicemente non era l’uomo giusto al momento giusto, come con grande onestà ammise lui stesso annunciando le proprie dimissioni alla stampa australiana: «Dopo l’arrivo di Del Piero tutto si è ingigantito, c’è un grosso peso sulle mie spalle, non sono riuscito a gestirlo bene». Era l’11 novembre 2012 e il Sydney aveva perso il giorno prima la quarta partita consecutiva, la sesta nelle prime otto giornate. Crook non ce la fece più e decise di rinunciare alla propria carica e al proprio stipendio per ritrovare la serenità perduta.

MENTALITÀ NUOVA. La squadra venne affidata ad interim al vice Steve Corica, fino all’annuncio – il 28 novembre 2012 – di Frank Farina, stella del calcio australiano, ex giocatore e allenatore dei Socceroos. Un anno dopo, si iniziano a vedere i frutti del suo lavoro. Sebbene Farina non sia riuscito a portare il Sydney ai playoff nella passata stagione (compito peraltro complicato dall’avvio disastroso), il Sydney oggi è una squadra trasformata. «Dodici mesi fa la situazione era molto difficile – ha ammesso lo stesso Farina –. Mancava fiducia, c’era bisogno di dare un’organizzazione di gioco e di far capire ai giocatori cosa significa giocare per il Sydney FC. Le cose oggi sono migliorate, la squadra ha un atteggiamento completamente diverso». A differenza del suo predecessore, Farina non sembra preoccupato delle pressioni: «Sì è vero, ci sono. Ma sono il motivo per cui faccio questo lavoro. È normale che in un club come il Sydney le richieste sono sempre alte».

RIVOLUZIONE ESTIVA. In estate Farina e la società sono intervenuti sul mercato per portare maggiore qualità in una squadra la cui unica fonte di gioco nella passata stagione era Del Piero. Gli acquisti di Bojic, Petkovic, Carle e Garcia (oltre che dell’ultimo arrivato Despotovic) si stanno rivelando decisivi per il nuovo gioco offensivo di Farina. L’obiettivo dichiarato della stagione del Sydney è quello di entrare ai playoff per poi giocarsi le proprie chance di vittoria finale.

FORTUNA AIUTA I MIGLIORI. Dopo la vittoria all’ultimo minuto contro il Wellington Phoenix, il Sydney è in quarta posizione, a tre punti dal Brisbane Roar primo in classifica. Ma Farina non vuole sentire parlare di fortuna per la vittoria in extremis. «La gente può dire quello che vuole, ma io penso che la fortuna favorisce una squadra che ha equilibrio, etica del lavoro e voglia di vincere. Se non hai questi tre ingredienti la fortuna non ti premia. Poi anche i tifosi ci hanno dato una grande mano, sabato sono stati fantastici. Vogliamo vincere anche per loro».

A cominciare da sabato mattina (ore 9.45 italiane), quando il Sydney affronterà in casa il Newcastle Jets per allungare la striscia di tre successi consecutivi.

Twitter @AdpSydney

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×
Loading Facebook Comments ...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>